top of page
  • Immagine del redattoreFrancesca Bonfatti

Riflessioni Riflesse

“Questi occhi o questi sguardi?” (Jacques Derrida “Le toucher, Jean-Luc Nancy”) “Dove finisce e inizia, inabitabile, l’impossibile spazio dei riflessi” (Jorge Luis Borges) “Tutta la mia filosofia si riduce ad accrescere quella precisione o coscienza di sé che ha per effetto di separare nettamente le domande dalle risposte […] Bisogna imparare a pensare che ciò che è non è necessariamente una domanda. E che non ogni domanda ha necessariamente un senso” (Paul Valéry)

Fulgide trame riflesse da schermi fantasma

metafore prismatiche

come il velo che indosso.

Rifletto riflessi

unita nel tutto.

*

Come se il mare separandosi svelasse un altro mare, questo un altro, ed i tre solo il presagio fossero

d’un infinito di mari non visitati da riva il mare stesso al mare fosse riva questo è l’eternità.

(Emily Dickinson,1863)

As if the Sea should part And show a further Sea − And that – a further – and the Three But a Presumption be –

Of Periods of Seas Unvisited of Shores Themselves the Verge of Seas to be Eternity is Those.

Raccontarsi è come comunicarsi. E’ l’eucarestia della rivelazione.

L’incipit Ho smarrito per la durata di in tempo indeterminabile la mia ispira azione, la funzione respiratoria di immettere nei polmoni la mia aria: l’Arte.

«Inspirazione ed espirazione dell’Essere, respirazione nell’Essere» (Maurice Merleau-Ponty, L’Oeil et l’Esprit 1960)

Allora non usavo lo specchio, usavo la memoria. Il ricordo di me. Era un’immagine di me, un ricordo di me che corrispondeva a uno stato d’animo, ad un’impressione, a una sensazione che registravo in quel momento.

Anche qui sono io, ma un io che non conosce una dimensione soggettiva, e neanche una dimensione temporale o spaziale. C’è uno spazio, chiuso, di una stanza di una camera, che resta indefinito.

Il mio laboratorio il mio atelier è là fuori, dove mi sento più esposta e perciò fragile.

La fragilità amplifica i miei istinti e satura le percezioni. Qui il cielo e La luce sono potenti attivatori…la mia arte arriva da lontano.

Penso alla pittura veneta, che ho ammirato, un bagno di luce e colore crea l’illusione di uno spazio, dove l’umanità si espone nella rappresentazione della vita. Il movimento, l’improvvisazione il coinvolgimento dell’osservatore, che oggi così come ieri, è parte di quello sguardo, che fissa ciascuno, attore e spettatore, collocandolo scena dopo scena, nel tempo e nella storia. Oggi porterò questo ed altro fuori da qui fuori dal tempo ma sempre, idealmente, all’interno di quella stessa cornice.

Un inedito di me. Le domande sono sempre meglio delle risposte. Io farei interviste di sole domande. Non sono forse le domande che ci accomunano più delle risposte? Bisogna anche, soprattutto, averne “il talento” per farle.

Per me lavorare all’aperto, significa catturare tutta la luce e l’energia possibile. Come una pianta.

La vita, si riproduce sotto forma di gesto. Esco ma entro al mio interno.

C’è un indizio che accomuna le mie opere, tutto è il contrario di ciò che può apparire… Essere visti, essere sorpresi, essere ascoltati. Siamo tutti spettatori con un ruolo assegnato dal destino. Non esiste la neutralità, né al di qua né al di là di questo fragile schermo, nel tragico gioco della vita.

Forse, la mia arte, è solo un effetto collaterale della mia resistenza alla cura. A Tante parole corrispondono tante più omissioni.

Alla fine quella che è la chiave di lettura di tutti i miei lavori ritengo sia la distanza, un’opera che non si lascia osservare ma che ci osserva, che osserva se stessa dall‘altra parte.

Immagini tratte dal mio ultimo Video/Documentario Biografico: “Frammentario”

Frammentario è un progetto autobiografico. Sinossi: L’artista allo specchio si racconta, entrando ed uscendo da se stessa, osservandosi come sconosciuta ed anticamente ri-conosciuta. Riflessioni riflesse che moltiplicano all’infinito i punti di vista. Restituendo frammenti di identità.

*

Frammentario, is an autobiographical project. Synopsis: The artist in the mirror tells about herself, entering and exiting herself, observing herself as unknown and formerly re-known. Reflected reflections that infinitely multiply points of view, returning fragments of identity.

*

Fragmentario, es un proyecto autobiográfico. Sinopsis: La artista en el espejo cuenta sobre sí misma, entrando y saliendo de sí misma, observándose como desconocida y antes re-conocida. Reflejos reflejados que multiplican puntos de vista hasta el infinito, y devuelven fragmentos de identidad.

*

Frammentario, est un projet autobiographique. Synopsis : L’artiste qui parle d’elle-même dans le miroir, entrant et sortant d’elle-même, s’observant comme inconnue et autrefois re-connue. Le reflet de reflets qui multiplient à l’infini les points de vue, restituant des fragments d’identité.

*

Video originale sottotitolato: https://youtu.be/P7vIcsOXWPs

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Frammentario

Comments


bottom of page